lunedì 31 maggio 2010

Assalto a Freedom Flotilla

Da stanotte sta girando la drammatica notizia del criminoso assalto dei militari israeliani ai pacifisti della Freedom Flotilla, che stavano portando viveri e sostegno agli abitanti della Striscia di Gaza, isolati da anni dal resto del mondo. Su Witness Gaza è possibile seguire le testimonianze, Infopal sta seguendo da tempo la situazione di Gaza ed ora pubblica notizie sui fatti di oggi e sulla situazione degli italiani coinvolti. Sul Post Viola è possibile trovare informazioni sui presidi organizzati in Italia. Interessante anche l'elenco delle aziende italiane che commerciano con l'economia di guerrra israeliana.

Draquila

Che dire, un documentario molto bello che proprio per questo fa uscire dal cinema un po' incazzati. E' sullo stile di Michael Moore, il sarcasmo non manca ma non manca nemmeno la forte denuncia delle tante ingiustizie compiute a L'Aquila a fronte del drammatico terremoto, se si pensava di aver già da tempo raggiunto il fondo questa è l'ennesima riprova che si può cadere sempre più in basso. Terribili le immagini che illustrano lo stato di polizia dei campi, sicuramente una delle maggiori novità emerse dal film. C'era gente a vederlo ma mi aspettavo sinceramente un pubblico più consistente. E non dimentichiamoci che tantissima gente sta ancora vivendo una drammatica condizione d'emergenza a più di un anno dal disastro sismico. Ma in che paese viviamo?

giovedì 27 maggio 2010

I panda nei cerchi

Commento su "A passo d'uomo"

Forse troppo corto ma sicuramente bellissmo questo documentario che racconta la tentta integrazione dei rifugiati in Italia, mostrando le tante diverse sfaccettature psicologiche di queste persone che ci chiedono aiuto dopo aver subito vicissitudini tremende. Ben girato, con alcuni effetti decisamente azzeccati come il gioco delle ombre cinesi. Ci si trova incollati allo schermo dall'inizio alla fine. Sarebbe bello e utile che questo documentario girasse nelle scuole.

martedì 25 maggio 2010

lunedì 24 maggio 2010

A passo d'uomo

Borghetto da scegliere


Ho provato a pubblicarla con due diversi tagli, quale preferite?

sabato 22 maggio 2010

venerdì 21 maggio 2010

Sul lago Tahoe

Consigliarlo faccio fatica. A tratti piacevole ma molto lento. Non mi è piaciuto l'uso dello schermo nero, anche se ha un senso nel contesto del film ne rallenta ancor più il ritmo. Sicuramente un film originale! Mi piacerebbe capire la passione del regista per i pali. Personaggi affascinanti, estremi ma autentici.

Turismo al Bromo

giovedì 20 maggio 2010

Profilo colorato

Valigia blu

Sono di nuovo a pubblicizzare la visione del sito "Valigia blu" da cui partono le iniziative più importanti e visibili contro la legge bavaglio, ovvero la legge con la quale si regolano le intercettazioni in Italia ... legge con cui ovviamente nemmeno io sono d'accordo.

mercoledì 19 maggio 2010

Fotografia europea a Reggio Emilia

Arrivo verso le 10.30 a Reggio Emilia, parcheggio tranquillamente lungo i viali e con 2 euro e rotti pago fino alle 18.20, peccato sia una giornata uggiosa. L'ombrello è con me. Ma l'appuntamento con Fotografia Europea è assolutamente imperdibile, anzi con il senno di poi bisognerebbe tornarci una sera. Vado subito alla biglietteria principale per comprare il biglietto di 10 euro che consente di visitare le mostre a pagamento, tutte da visitare e osservare con attenzione ... riesco anche a procurarmi una mappa della città e una delle mostre ed eventi ufficiali, inoltre aiuta moltissimo la disponibilità innata dei vari operatori inseriti nella mostra. Non è facile girare alla ricerca delle mostre off, ne vedo alcune tra cui spicca quella nelle cantine di vicolo Due Gobbi ma sicuramente un altro giro serale potrebbe mostrare tante altre affascinanti installazioni artistiche. Tantissimi i bar e i negozi che ospitano piccole mostre ... anche uffici. Inoltre tutto il giro porta anche a scoprire alcuni dei palazzi più belli della ospitalissima città emiliana. Tra le mostre ufficiali interessantissimo Man Ray, ma sicuramente chi spicca è Michael Kenna, all'interno dell'eccellente Palazzo Magnani. Insomma una mostra cittadina da respirare e vivere in più occasioni e con delle buone scarpe ... spero di riuscire a tornarci, c'è tempo fino al 13 giugno!

Ricordi sessantottini

martedì 18 maggio 2010

Equilibrismi aerei

Fratelli di TAV a Parma

Mercoledi 19 maggio, alle ore 21 terzo appuntamento con la rassegna "Sulla Strada", all'auditorium assistenza pubblica di Viale Gorizia (Parma). Ad ingresso libero, potrete assistere alla proiezione di "Fratelli di tav", video-inchiesta sul treno al alta "voracita'". Ospite della serata Katia Torri (Rete Diritti in casa). Esiste anche un'ottimo blog di supporto al documentario.

Wai-o-Tapu


lunedì 17 maggio 2010

Tempi passati

Appunti e immagini sul Newroz 2010

Ho pubblicato gli appunti e le immagini dell'annuale delegazione fidentina che si è recata in Kurdistan turco per i festeggiamenti del Newroz 2010, trovate tutto sul sito dell'Associazione Jambo.

domenica 16 maggio 2010

L'anatroccolo nero

Deforestazione zero

E' online sul sito di Greenpeace la classifica "Salvaforeste" sull'uso della carta da parte delle case editrici italiane.

Ricevo e pubblico

Visto il silenzio dei mass-media tradizionali, e vista la richiesta del Movimento 5 Stelle di Parma di pubblicare le loro notizie, ecco due notizie emiliane interessanti.

1) Inizia con un inciucio tra PD e PDL il lavoro della nuova assemblea legislativa regionale dell'Emilia Romagna. Un inciucio denunciato dai consiglieri del MoVimento 5 Stelle-Beppegrillo.it Giovanni Favia ed Andrea Defranceschi.
Centrosinistra e centrodestra di fatto hanno escluso un movimento che ha avuto il 7% di consensi (161.056 voti) da qualsiasi ruolo di garanzia istituzionale nell'ufficio di presidenza. Un ruolo attraverso il quale sarebbe stato possibile avere un maggior accesso diretto per controllare le spese della Regione e far avanzare a livello legislativo le proprie proposte in Assemblea. "Dal ruolo di questore dell'ufficio di presidenza, dove abbiamo candidato Andrea Defranceschi - ha spiegato il consigliere Favia- avremmo proposto di mettere ogni conto e spesa di consiglieri e assessori online in modo tale da creare un controllo diretto da parte dei cittadini su ogni movimento di denaro pubblico. Forse è di questo che si ha paura visto quello che è successo ?". Una chiara allusione al "Delbono gate".
Diretto l'attacco al PD, senza risparmiare il PDL: "Chiede tanto il dialogo ma non si è certo mosso per tutelare le minoranze nel loro insieme, come invece aveva fatto qualche mese fa nel comune di Bologna a favore dell'UDC, anzi il PD ha preferito lasciare che il PDL facesse "man bassa" dei ruoli di garanzia e controllo previsti dallo statuto per le forze di opposizione, piuttosto che far entrare nell'ufficio di presidenza un consigliere a cinque stelle con le sue web cam".
E' poi intervenuto in aula anche il consigliere Andrea Defranceschi che ha ribadito "che la nostra non era una richiesta per una poltrona, ma per garantire trasparenza sui conti pubblici. Avremmo rinunciato ai benefit in piu' concessi per quel ruolo, come rinunceremo a gran parte dello stipendio che la Regione riconosce ai consiglieri considerandolo un privilegio assurdo".

2)Continua la battaglia del Movimento 5 Stelle a favore dei pendolari dell'Emilia Romagna sacrificati sull'altare della Tav. Sarà depositata una interpellenza a risposta orale presentata da Favia e Defranceschi, basata su dati del comitato "Fuori Servizio" di Reggio. Ecco il testo: "Il comitato dei pendolari "Fuori Servizio" di Reggio nell'Emilia ha denunciato che l'accordo da parte della Regione con Trenitalia che introduce le fermate intermedie anche nelle stazioni di Comuni non capoluogo di provincia per il treno regionale R6485, che unisce Parma a Bologna, passando per Reggio e Modena, ha creato diversi disagi ai pendolari. Disagi che in particolare si registrano per coloro che di prima mattina utilizzano questo treno salendo nelle stazioni dei Comuni capoluogo (Parma, Reggio, Modena) in direzione Bologna.
- prendendo come esempio la tempistica relativa alla percorrenza tra Reggio e Bologna, secondo i dati registrati dal comitato "Fuori Servizio" si è passati da 37 minuti di media ad una media di oltre 50 minuti.
-Sempre tenendo come punto di riferimento la stazione di Reggio Emilia, Il treno regionale R6485 in questa maniera se prima partiva alle 8.21 per arrivare a Bologna alle 8.58 (37 minuti di percorrenza con ritardi accettabili, secondo le 64 rilevazioni annue del comitato pendolari "Fuori Servizio", con ritardo che se superava i 5 minuti poteva essere sanzionato dalla Regione a Trenitalia) , ora partendo alle 8.16 (orario quasi mai rispettato secondo le rilevazioni di febbraio-marzo-aprile del comitato pendolari "Fuori Servizio" di Reggio) arriva mediamente alle 9.08 con tempo di percorrenza medio di 52 minuti.
-Secondo i dati del comitato "Fuori Servizio" sempre relativi alla corsa del R6485 si registra un tempo reale di percorrenza tra Anzola e Bologna di 17 minuti. In questo modo, con quello che per il comitato puo' risultare un "escamotage", Trenitalia riesce ad evitare multe da parte della Regione in caso di ritardi. Il tutto, come denunciato dai comitati dei pendolari, per garantire specie in futuro le tempistiche dei treni ad alta velocità sulla tratta Bologna-Milano a discapito pero' dei viaggiatori pendolari sui treni regionali.
Si chiede alla Giunta regionale di conoscere:
-Cosa intende fare la Regione per garantire servizi piu' efficienti ai pendolari del treno R6485, molto utilizzato da chi si reca al lavoro a Bologna e piu' in generale per tutti i treni regionali.
-Se sono stati rilevati i dati di quante persone utilizzano il treno regionale R6485 salendo nelle stazioni intermedie rispetto alla maggior parte delle persone che lo utilizza partendo dalle stazioni dei comuni capoluogo.
-Qual è lo stato del rispetto dei patti sottoscritti da parte della Regione con i comitati pendolari anche sul fronte dei servizi offerti per i treni regionali di ritorno da Bologna verso Modena, Reggio, Parma nel pomeriggio.

sabato 15 maggio 2010

giovedì 13 maggio 2010

Rossa terra mia a Fidenza

Parole sante

Decisamente un signor documentario, diretto e ottimamente interpretato da Ascanio Celestini. Non fosse che il tema trattato è drammatico, si parla di precarietà, dei tanti diritti dei lavoratori persi in questi ultimi anni grazie a sindacati concilianti e poco disposti alla lotta, e a partiti politici sempre più lontani dalla realtà, come ben illustra Ascanio nel folgorante finale. E' la storia dei precari dell'Atesia, riunitosi in un collettivo per rivendicare i propri diritti e poi supportati dall'ispettorato al lavoro ma comunque licenziati. Una storia paradossale ma comunque ben esplicativa di ciò che succede quotidianamente nel nosto bel paese!

martedì 11 maggio 2010

Parole Sante a Parma

Continua, dopo il successo della prima serata, la rassegna "Sulla strada", documentari contro l'esclusione sociale. Mercoledi 12 maggio, alle ore 21, ad ingresso libero, proiezione di "Parole Sante", di e con AscanioCelestini presso l' auditorium Assistenza Pubblica, in Viale Gorizia 2/a, ore 21, a Parma. Ospite della serata la Fondazione Matteo Bagnaresi Onlus.

Un milanista sorridente

lunedì 10 maggio 2010

Un piccolo paese italiano

Non leggere questo blog, anzi leggilo bene!

nonleggerlo.blogspot.com è l'interessantissimo blog che ha rilanciato oggi il discorso di Emilio Fede a proposito di Roberto Saviano, discorso da cui è sfociata la protesta di tanti cittadini, condotta su internet da "La valigia blu".

mercoledì 5 maggio 2010

Giallo a Milano

In anteprima a Parma, mercoledì 5 maggio per la rassegna "Sulla strada", documentari contro l' esclusione sociale, "Giallo A Milano", ad ingresso libero all' auditorium assistenza pubblica, in Viale Gorizia 2/a, ore 21.

martedì 4 maggio 2010

Immagini degli aquiloni a Soragna

Ecco la galleria d'immagini e relativa sequenza delle fotografie scattate in aprile a Soragna durante l'esibizione degli aquiloni, pubblicate sul mio sito personale.

Snoopy Airlines

lunedì 3 maggio 2010

I gatti persiani

Azzeccatissimo il sottotitolo "Il film che canta, urla, esalta la libertà". Un bel film per documentare la drammatica realtà iraniana, dove sono negate le più semplici libertà e dove i giovani lottare e scontrarsi con la polizia anche quando vogliono soltanto suonare musica. Bellissime alcune sequenze sulla vita a Teheran, scandite dalle diverse musiche che vanno di moda di nascosto tra i giovani ... la preferita per me è stata quella basata su un favoloso rap, e che ha mostrato i lati più oscuri e deprimenti dell'attuale società iraniana, con la sua drammatica povertà. Un film che tanti anche in Italia dovrebbero vedere per capire cosa è veramente la rivoluzione verde, soltanto drammatica voglia giovanile di libertà!!

Pranzo partigiano a Fiorenzuola

Ho inserito sul sito dell'Associazione Jambo le fotografie scattate durante il pranzo partigiano tenutosi a Fiorenzuola in occasione del 25 aprile, con la presenza degli ottimi Me Pek & Barba.

domenica 2 maggio 2010

Visioni di campagna

Colori nel vento

Sulla strada

Torna la rassegna "Sulla strada", documentari contro l'esclusione sociale. Ad ingresso libero presso l'auditorium dell'Assistenza Pubblica, in viale Gorizia 2/a, a Parma, tutti i mercoledì di maggio.