mercoledì 20 agosto 2014

Appello per il campo profughi di Makhmur

Appello urgente per raccolta fondi per aiuti umanitari da devolvere a favore degli abitanti del campo profughi di Makhmur attualmente sfollati.
Sottoscriviamo volentieri, come Associazione Verso il Kurdistan, l'appello per gli aiuti umanitari in Kurdistan iracheno, concentrando il nostro sforzo a sostegno dei 12 mila abitanti del Campo profughi di Makhmur, dov'era in atto il progetto già avviato di costruzione di un ospedale - progetto "Hevi U Jiyan - La speranza e la vita", progetto oggi sospeso a seguito del conflitto in corso che ha interessato pesantemente quell'area.
La popolazione del Campo di Makhmur, liberata dalla guerriglia dopo gli attacchi dell'ISIS, è accampata adesso in una zona sicura, nei pressi di Sulemanja, a Ranja ed è lì che porteremo direttamente gli aiuti che, come associazione, riusciremo a raccogliere, avendo così la possibilità di conoscere direttamente la situazione, di parlare con la gente del Campo e con i loro referenti sul posto.
Per chi fosse interessato a contribuire: IBAN IT79 F030 6910 4001 0000 0402 675 - Banca Intesa/San Paolo - intestato all'Associazione Verso il Kurdistan - Causale: aiuti umanitari per la popolazione del Campo di Makhmur - Sud Kurdistan (Nord Iraq)
La delegazione prevista dal 10 al 19 ottobre, che finora ha raccolto più di dieci aderenti, per ora è sospesa in attesa degli eventi, ma non annullata.
RESISTI KURDISTAN
Associazione onlus Verso il Kurdistan
Info: Antonio 335/7564743 - Lucia 333/5627137

Kermesse del Faust


martedì 19 agosto 2014

Storia di un gatto ...

Bella questa favola di Sepulveda, che parla di amicizia e di rispetto per le differenze. Il fatto che sia una favola non vuol dire che sia diretta solo ai bambini, anzi forse sarebbe ora che anche gli adulti ricominciassero a prendere in considerazione valori ormai dimenticati.

Ping pong in Iran






mercoledì 13 agosto 2014

lunedì 11 agosto 2014

Smetto quando voglio

Film molto divertente. Si parte dalle difficoltà immense dei laureati italiani costretti ad accettare lavori malpgayi per sopravvivere oppure ad inventarsi soluzioni fantasiose come in questo caso. Da vedere!

Rane




domenica 10 agosto 2014

Consulta per la Pace a Fidenza

Consulta e delegato per la pace ? Siamo rimasti sconcertati dalle dichiarazioni ufficiali fatte alla Gazzetta del segretario del Pd (forse depositario unico dei temi sulla Pace nel mondo), nonché da quelle apparse in internet. Vorrebbe “educare alla pace” ed insegnare “ a soffrire insieme” tutta la comunità fidentina, dice, e lo fa come?
Attaccando ed aggredendo l’opposizione che per prima ha portato il tema della pace in Consiglio invitando il Pd a firmare congiuntamente una comune espressione di solidarietà alle popolazioni coinvolte, nulla più, perché poco o nulla Fidenza può fare. A fronte dell’imbarazzante scena muta (per 3 volte ho chiesto se il PD era sicuro di non voler firmare…) di tutti i rappresentanti del PD, una volta partito di sinistra, per ripigliarsi, e’ nata la proposta di questa Consulta su un tema che non ci pare il primo dei problemi che dovremmo affrontare.
Abbiamo in Consiglio proposto, dopo accordo con le altre minoranze, un’integrazione tra nostro appello e proposta del PD proprio per non dividerci sulla pace, senza creare organismi non necessari e con costi conseguenti a carico della collettività. Nulla, porta in faccia, il PD la pace se la fa da solo, attaccando (se no che pace sarebbe?!) le minoranze e ora ci fa la lezione di filosofia teoretica e ci accusa di essere adolescenti in crisi solo perché siamo giustamente contrariati per i continui dinieghi alle nostre proposte, in primis appunto il ben piu’ importante tema della Di Vittorio, così vergognosamente sminuito da Gallicani.
La recente lettera al Sindaco, del Presidente del Comitato soci della Di Vittorio, è la prova di quali sono i problemi urgenti e serve a ricordare a Gallicani che il Comitato soci esiste dabòn! Un po’ come la Provincia che, notizia bomba, e’ ancora in attività nonostante il Sindaco dica il contrario. A Gallicani ricordiamo che se qualcuno ha dei “panni preconfezionati”, stanno addosso a chi non proferisce verbo o non alza la manina senza ricevere l’imbeccata; ogni nostra libera proposta invece, cade nel vuoto assoluto, scontrandosi con l’arroganza del potere Pd ottimamente rappresentata dall’articolo di Gallicani.
Continuiamo a pensare di dover collaborare con la maggioranza, ma se le premesse sono quelle dei sorrisini di compatimento (per insegnarci la compassione forse?) durante i nostri interventi in Consiglio, l’attacco sul tema della pace…, i no continui o l’accusa di essere adolescenti perche’ ci vogliamo occupare del piu’ grosso scandalo economico finanziario Fidentino, le premesse non sono certo buone.
Per inciso, vorrei ricordare a Gallicani che , prima di darci degli adolescenti, si vada a leggere il curriculum personale di Gabriele Rigoni e Luca Pollastri e lo confronti col proprio, valutandone la concretezza, la serietà o l’eventuale vacuità.
Infine ricordiamo al giovane Gallicani la posizione del suo partito: la vendita di armi in barba all'articolo 85 della Costituzione; gli F35, l'appoggio a Putin sull'abbattimento aereo malese; gli spazi aerei italiani concessi per esercitazioni militari con aerei da caccia….. Se riceverà la delega dal Sindaco, inserisca questi temi all’ordine del giorno del primo incontro della consulta oppure si dimetta da segretario del PD.
Noi da parte nostra presenteremo al prossimo Consiglio una ulteriore interrogazione al sindaco sul concordato della Cooperativa Di Vittorio.
Gabriele Rigoni e Luca Pollastri (Lista Civica Con e Per Fidenza)

Una mutevole verità


Forse leggermente prevedibile ma sicuramente un buon giallo che si legge in due giorni. Carofiglio sta cominciando ad appassionarmi. Un bel modo di scrivere e di soffermarsi sui piccoli particolari dei protagonisti. Si nota, eccome, l'esperienza lavorativa dell'autore.

Moschea in ristrutturazione