giovedì 21 marzo 2019

mercoledì 20 marzo 2019

La vita sognata di Ernesto G.

La mia seconda volta con Jean-Michel Guenassia per un lungo e avvincente romanzo. E' la storia lunga un secolo del medico ebreo-cecoslovacco Joseph Kaplan che si evolve dopo la drammatica prima guerra mondiale, con la fuga nel deserto algerino durante il genocidio degli ebrei fino alla vita in un paese comunista con il clamoroso incontro con che Guevara. Un signor libro con tanti sogni e la delusione fornita dal tradimento burocratico del comunismo. E come importante sottofondo di tutte le pagine del libro l'inconfondibile musica di Carlos Gardel.

Seduto


martedì 19 marzo 2019

Alla ricerca di Z. La città perduta

Ottimo romanzo storico e d'avventura questo libro di David Grann, sottotitolo "Viaggio in Amazzonia sulle tracce del mitico El Dorado". Protagonista assoluto Percy Harrison Fawcett che dopo aver dedicato la vita alla ricerca della città perduta, scomparve in Amazzonia con il figlio adorato ed un suo amico. Grazie al suo mito un sacco di esploratori andarono a cercarne le traccie per scomparire a loro volta fino al finale con l'ultimo improbabile esploratore.

Ante aperte


Se per un istante

Se per un istante Dio si dimenticasse che sono una marionetta di stoffa e mi facesse dono di un pezzo di vita, probabilmente non direi tutto ciò che penso, ma penserei a tutto ciò che dico. Valuterei le cose, non per il loro valore, ma per ciò che significano. Dormirei poco, sognerei di più, essendo cosciente che per ogni minuto che teniamo gli occhi chiusi, perdiamo sessanta secondi di luce.
Andrei avanti quando gli altri si ritirano, mi sveglierei quando gli altri dormono.
Ascolterei quando gli altri parlano e con quanto piacere gusterei un buon gelato al cioccolato…
Se Dio mi desse un pezzo di vita, mi vestirei in modo semplice, e prima di tutto butterei me stesso in fronte al sole, mettendo a nudo non solo il mio corpo, ma anche la mia anima.
Dio mio se avessi un cuore, scriverei il mio odio sul ghiaccio e aspetterei l’arrivo del sole. Sulle stelle dipingerei una poesia di Benedetti con un sogno di Van Gogh e una canzone di Serrat sarebbe la serenata che offrirei alla luna.
Annaffierei le rose con le mie lacrime per sentire il dolore delle loro spine e il rosso bacio dei loro petali.
Dio mio se avessi un pezzo di vita, non lascerei passare un solo giorno senza dire alle persone che amo, che le amo. Direi ad ogni uomo e ad ogni donna che sono i miei prediletti e vivrei innamorato dell’amore.
Mostrerei agli uomini quanto sbagliano quando pensano di smettere di innamorarsi man mano che invecchiano, non sapendo che invecchiano quando smettono di innamorarsi!
A un bambino darei le ali, ma lascerei che imparasse a volare da solo.
Ai vecchi insegnerei che la morte non arriva con la vecchiaia, ma con la dimenticanza.
Ho imparato così tanto da voi, Uomini…
Ho imparato che ognuno vuole vivere sulla cima della montagna, senza sapere che la vera felicità sta nel come questa montagna è stata scalata.
Ho imparato che quando un neonato stringe per la prima volta il dito del padre nel suo piccolo pugno, l’ha catturato per sempre.
Ho imparato che un uomo ha il diritto di guardare dall’alto in basso un altro uomo solo per aiutarlo a rimettersi in piedi.
Da voi ho imparato così tante cose, ma in verità non saranno granchè utili, perchè quando mi metteranno in questa valigia, starò purtroppo per morire.
Dì sempre ciò che senti e fa’ ciò che pensi.
Se sapessi che oggi è l’ultima volta che ti guardo mentre ti addormenti, ti abbraccerei fortemente e pregherei il Signore per poter essere il guardiano della tua anima.
Se sapessi che oggi è l’ultima volta che ti vedo uscire dalla porta, ti abbraccerei, ti darei un bacio e ti chiamerei di nuovo per dartene altri.
Se sapessi che oggi è l’ultima volta che sento la tua voce, registrerei ogni tua parola per poterle ascoltare una e più volte ancora.
Se sapessi che questi sono gli ultimi minuti che ti vedo, direi “ti amo” e non darei scioccamente per scontato che già lo sai.
Sempre c’è un domani e la vita ci dà un’altra possibilità per fare le cose bene, ma se mi sbagliassi e oggi fosse tutto ciò che ci rimane, mi piacerebbe dirti quanto ti amo, che mai ti dimenticherò.
Il domani non è assicurato per nessuno, giovane o vecchio. Oggi può essere l’ultima volta che vedi chi ami. Perciò non aspettare oltre, fallo oggi, perchè se il domani non arrivasse, sicuramente compiangeresti il giorno che non hai avuto tempo per un sorriso, un abbraccio, un bacio e che eri troppo occupato per regalare un ultimo desiderio.
Tieni chi ami vicino a te, digli quanto bisogno hai di loro, amali e trattali bene, trova il tempo per dirgli “mi spiace”, “perdonami”, “per favore”, “grazie” e tutte le parole d’amore che conosci.
Nessuno ti ricorderà per i tuoi pensieri segreti. Chiedi al Signore la forza e la saggezza per esprimerli. Dimostra ai tuoi amici e ai tuoi cari quanto sono importanti.
Gabriel García Márquez

lunedì 18 marzo 2019

domenica 17 marzo 2019

Anno 2019 parte 11

Della serie "aiutiamoli a casa loro" è molto interessante vedere cosa sta facendo l'italianissima ENI in Congo!
Andando al lavoro mi fermo per fare passare tre giovani saltellanti caprioli, guidare verso la montagna sempre con attenzione.
Albano dichiarato pericoloso per l'Ucraina e non è una barzelletta.
E adesso siamo già ad una pastiglia la mattina ed una la sera, ahiahiahi!!!
Alle elezioni europee tra entrosinistra e sinistra le liste abbondano.
Ronaldo sarà un gran giocatore ma come uomo non lo stimo tantissimo ed il gestaccio dopo la vittoria nella partita di Champions a mio parere merita la squalifica.
GretaThunberg a soli 16 anni sta riuscendo a fare per il mondo più di quanto fatto dai tanti che potrebbero fare qualcosa e non lo fanno per interessi.
Vedere i bambini sfilare per Pellegrino Parmense con gli striscioni "Save the planet" è stato emozionante. 
Continuo a chiedermi come mai ex carabinieri, con evidenti tendenze destroidi, qui da noi collaborano in chiesa o volontariamente o addirittura come diaconi.
Le attenuanti concesse in alcuni degli ultimi processi per femminicidio lasciano veramente sbigottiti. 
Non ce n'era assolutamente bisogno ma la strage compiuta a Christchurch in Nuova Zelanda dimostra che il problema razzismo e fascismo è ad altissimi livelli.
"Ho paura di queste notti
che, popolate di ricordi,
incatenano i miei sogni.
Ma il viaggiatore che fugge
un giorno o l'altro mette fine al suo andare.
E, anche se l'oblio che tutto distrugge
ha ucciso le mie vecchie illusioni,
serbo nascosta un'umile speranza,
che è tutta la fortuna del mio cuore."
Carlos Gardel

Piccola pulizia ad Ilha do Livramento


..... raccolti 5 sacconi di plastica in meno di 10 minuti!

venerdì 15 marzo 2019

Omaggio alla Catalogna

Un libro molto interessante in cui il grande George Orwell ci racconta la sua esperienza di volontario nella guerra civile spagnola e il drammatico e criminoso comportamente del partito comunista stalinista nei confronti degli anarchici e dei trotskisti, la distruzione del POUM. Un documento essenziale per capire tante cose della guerra civile spagnola e dell'avvento del fascismo.

La fontanella e il piccione


martedì 12 marzo 2019

domenica 10 marzo 2019

PFM canta DeAndrè

Un bel concerto per chiudere la settimana. A Salsomaggiore hanno ricominciato a fare la data 0 di alcune tourneè ed avere a pochi km, da casa Fran Di Cioccio che canta alla sua maniera i testi DeAndrè con la musica della sua grande band era assolutamente un'occasione da non perdere. A suo tempo avevo imparato quasi a memoria il disco del concerto P.F.M e DeAndrè, e ho riascoltato la stessa ottima musica. Tanti i pezzi indimenticabili come "Il giudice" , "La guerra di Piero", "Bocca di rosa", solo per scriverne alcuni fino al bis con "La canzone di Marinella" e per chiudere uno storico pezzo della PFM stessa: "Festa". Ottima serata! 

Anno 2019 - parte 10

Prime grosse aperture verso il FarWest con l legge sulla legittima difesa.
Pur avendo votato "no" al nucleare l'Italia avrà molto probabilmente sette depositi di scorie nucleari provenienti da altri paesi!
In Birmania dopo i massacri della minoranza Rohingya nella regione del Rakhine è ora la volta dell'Arakan e il resto del mondo continua a voltarsi dall'altra parte.
Si accettano scommesse sulla TAV.
In questi giorni tanti ignoranti matricolati, per lo più della Lega ma con un aumento tra i sostenitori del PD, si sono chiesti cosa si farebbe del pezzo di tunnel già costruito ... carissimi ignoranti quello è solo un tunnel geognostico. Il vero traforo per il TAV in val Susa non è mai stato iniziato!! Informarsi prima di parlare, please!!
In USA è stata di nuovo condannata Chelsea Manning perchè si rifiuta di testimoniare per Wikileaks, i mass-media si dimenticano di dire che prima della precedente detenzione in cui si parlò di torture disumane Chelsea si chiamava Brian e dopo la stessa detenzione si fece operare e diventò donna: niente a che vedere con le torture subite?
Morti gli alpinisti Nardi e Ballard sul Nanga Parbat.
20 giorni che mi faccio passeggiate da almeno 10000 passi ogni sera ... e la mia pressione resta a livelli altissimi.
Buono il concerto a Salsomaggiore : la P.F.M. ha suonato le canzoni di Fabrizio DeAndrè. E allora ho comprato il biglietto anche per lo spettacolo di Paolo Rossi ad aprile.

Finestre diverse


venerdì 8 marzo 2019

giovedì 7 marzo 2019

La tregua

Un altro libro molto importante. Primo Levi, dopo il primo libro in cui desciveva la prigionia nel lager di Auschwitz, racconta il periodo tra l'arrivo dei primi russi inorriditi al capo e l'arrivo a Torino dopo diversi mesi. Ci sono anche tanti personaggi interessanti che incontra in questo periodo di transizione tra la cosiddetta e la vera libertà.

Tantallion castle


mercoledì 6 marzo 2019

martedì 5 marzo 2019

La polvere del mondo

Un gran bel libro di viaggio da leggere molto lentamente per i tanti spunti interessanti che offre. E' un viaggio compiuto da Nicolas Bouvier e  Thierry Vennet, di cui appaiono molti disegni, nel 1953 dai Balcani fino a Kabul. Tanti incontri interessanti e tante considerazioni sul viaggiare e sui cambiamenti personali che se ne traggono. "Crediamo di fare un viaggio, ma ben presto è il viaggio che ci fa, o ci disfa." Considerato da tanti un capolavoro della letteratura di viaggio. Titolo originale del libro era "L'usage du monde" : "L'uso del mondo".

Sotto la panca


Tina Modotti a Parma