mercoledì 28 novembre 2012

giovedì 22 novembre 2012

Graffiti parmigiani








Contro la violenza alle donne

Sabato 24 novembre in occasione della Giornata internazione contro la violenza alle donne, la cooperativa Giolli con il Teatro dell'Oppresso sarà nelle strade del centro storico:
a Parma dalle ore 10 alle 13
a Fidenza dalle ore 17 alle 19.30 

martedì 20 novembre 2012

Lettera aperta da Lampedusa alla UE

Mi sembra doveroso pubblicare questa lettera aperta inviata dal Sindaco di Lampedusa, Giusy Nicolini, alla UE e già pubblicata da vari siti su internet, e che merita la più grande diffusione possibile.

"Sono il nuovo Sindaco delle isole di Lampedusa e di Linosa. Eletta a maggio, al 3 di novembre mi sono stati consegnati già 21 cadaveri di persone annegate mentre tentavano di raggiungere Lampedusa e questa per me è una cosa insopportabile. Per Lampedusa è un enorme fardello di dolore.
Abbiamo dovuto chiedere aiuto attraverso la Prefettura ai Sindaci della provincia per poter dare una dignitosa sepoltura alle ultime 11 salme, perché il Comune non aveva più loculi disponibili. Ne faremo altri, ma rivolgo a tutti una domanda: quanto deve essere grande il cimitero della mia isola?
Non riesco a comprendere come una simile tragedia possa essere considerata normale, come si possa rimuovere dalla vita quotidiana l’idea, per esempio, che 11 persone, tra cui 8 giovanissime donne e due ragazzini di 11 e 13 anni, possano morire tutti insieme, come sabato scorso, durante un viaggio che avrebbe dovuto essere per loro l’inizio di una nuova vita.
Ne sono stati salvati 76 ma erano in 115, il numero dei morti è sempre di gran lunga superiore al numero dei corpi che il mare restituisce.
Sono indignata dall’assuefazione che sembra avere contagiato tutti, sono scandalizzata dal silenzio dell’Europa che ha appena ricevuto il Nobel della Pace e che tace di fronte ad una strage che ha i numeri di una vera e propria guerra. Sono sempre più convinta che la politica europea sull’immigrazione consideri questo tributo di vite umane un modo per calmierare i flussi, se non un deterrente.
Ma se per queste persone il viaggio sui barconi è tuttora l’unica possibilità di sperare, io credo che la loro morte in mare debba essere per l’Europa motivo di vergogna e disonore. In tutta questa tristissima pagina di storia che stiamo tutti scrivendo, l’unico motivo di orgoglio ce lo offrono quotidianamente gli uomini dello Stato italiano che salvano vite umane a 140 miglia da Lampedusa, mentre chi era a sole 30 miglia dai naufraghi, come è successo sabato scorso, ed avrebbe dovuto accorrere con le velocissime motovedette che il nostro precedente governo ha regalato a Gheddafi, ha invece ignorato la loro richiesta di aiuto. Quelle motovedette vengono però efficacemente utilizzate per sequestrare i nostri pescherecci, anche quando pescano al di fuori delle acque territoriali libiche. Tutti devono sapere che è Lampedusa, con i suoi abitanti, con le forze preposte al soccorso e all’accoglienza, che dà dignità di esseri umani a queste persone, che dà dignità al nostro Paese e all’Europa intera.
Allora, se questi morti sono soltanto nostri, allora io voglio ricevere i telegrammi di condoglianze dopo ogni annegato che mi viene consegnato. Come se avesse la pelle bianca, come se fosse un figlio nostro annegato durante una vacanza".
Giusi Nicolini  

Suonare l'arpa a Vernasca




AMeMì Gusta : Parma, racconti a cena sugli spazi sociali


domenica 18 novembre 2012

Reportage sulla Estudiantina di Posadas


Reportage su una parata studentesca a Posadas, in Argentina, ottobre 2012.

Animali alla moda


Parma: racconti gastronomici e ... non solo, sul Mali


La cena maliana, e il complesso dell'iniziativa come riportato nell'invito sottostante, è confermata e si tiene sabato 1° dicembre alle ore 20.30 non più allo Zerbini ma presso il salone annesso alla chiesa di San Patrizio in Via Lanfranco, 11, Parma.