lunedì 29 novembre 2021

La fine del mondo sembra non sia arrivata

Patrik Ourednik continua a sorprendermi positivamente anche con questo libro intriso di ironia, sarcasmo, cinismo e grande osservazione della storia ma anche delicatezza. Ho riso tanto ma ho anche spesso mosso la testa in modo assertivo. Tutti i suoi libri sono assolutamente da leggere.

Ciclista solitario


 

domenica 28 novembre 2021

Sono ancora vivo

Roberto Saviano è tornato con un graphic novel illustrato da Asaf Hanuka, per raccontare la sua vita da minacciato. Un libro molto interessante e ben disegnato che si legge bene e che fa anche capire le tante cattiviere subito dallo scrittore anche dalle persone cosiddette normali. Già il titolo la dice molto lunga, ricordando tra l'altro la frase finale di Steve McQueen-Papillon! Una graphic novel che consiglio caldamente, anche e forse soprattutto a chi lo detesta.

Anno 2021 - parte 48

Arrivano freddo e nebbia, e forse aumentano le restrizioni. Se ne parla sempre poco ma gli Stati Uniti hanno sempre una bella dose di attentati fatti da terroristi interni: adesso va di moda buttarsi in auto sulle processioni natalizie. Chi vive nel paesello senza confrontarsi con il resto del mondo vive di pettegolezzo e pensa di poter decidere per gli altri. A Fidenza c'è chi per ottenere una pizza fuori orario tira fuori una pistola e se la mangia in strada tranquillo per poi stupirsi dell'intervento delle forze dell'ordine. Troppi interessi in Sudan perchè il paese si pacifizzi in modo duraturo, e adesso si parla di centinaia di persone scomparse. Non sarebbe male se si sapesse qualcosa di quello che succede nel Sahel. Quando leggi che la Russia ha come priorità l'aumento delle armi nucleari vai d'istinto a guardare la data di pubblicazione del giornale, convinto di aver preso in mano una copia di cinquant'anni fa! Zitta zitta (come sempre) la Cina mette in prigione i dissidenti di Hong-Kong. Ora va di moda il padel, a parte il nome che mi fa sorridere cos'è effettivamente? E' fantastico scoprire che a capo dell'Interpol internazionale ci sia una persona più volte accusata di torure, quasi al pari della possibilità di vdere come presidente italiano una delle persone che ha maggiormente contribuito alla distruzione della cultura nel nostro paese. Magari è anche ora di capire che distruibire gratis i vaccini tra i paesi poveri potrebbe essere la strada giusta per fermare la pandemia. Ci ha lasciato l'ottima scrittrice spagnola Almudena Grandes.

"Moriamo soli. Dunque dovremmo fare conto di essere soli" (B.Pascal)

Come un clown


 

venerdì 26 novembre 2021

Tramonto on the balcon



 

Storia del camminare

Un saggio interessante ed impegnativo, per raccontare l'azione più semplice che compiono uomini e donne. Rebecca Solnit, conosciuta in tanti articoli pubblicati su "Internazionale", ci propone la sua storia partendo dall'abitudine di alcuni grandi filosofi e dall'apparizione stessa , scientifica o religiosa, della stessa razza umana. Non ci si può dimenticare dei pellegrinaggi e delle marcie, alcune delle quali hanno cambiato il mondo, ma nemmeno dei classici passeggi adolescenziali cittadini, comunemente conosciuti a Fidenza come "vasche".  Se Wordsworth la fa da padrone per molte pagine, non mancano le molte righe Chatwin e sul formidabile Thoreau, nonchè su John Muir. Ottimi i capitoli sul passeggio urbano, con mirabolanti descrizioni di New York, San Francisco, Londra e Parigi con tanto spazio per gli llustri camminatori.Insomma un gran bel saggio sul camminare ma anche sulla storia degli ultimi secoli e sui cambiamenti filosofici ... sicuramente non mancherò di leggere altri testi di Rebecca.

Fiori lilla


 

giovedì 25 novembre 2021

Preferisco ...


 

La testa perduta di Damasceno Monteiro

Da quando Antonio Tabucchi ci ha lasciato, non avevo più preso in mano un suo libro, finchè l'altro giorno mi è capitato tra le mani questo brillantemente impolverato. L'ho aperto e mi sono subito trovato immerso in una lettura più che piacevole, con uno stile che sinceramente mi era mancato. Il protagonista, il giornalista Firmino, si trova subito dentro un giallo e a contatto con personaggi strani ma ricchi di umanità e forieri di tanti concetti filosofici. Una gran bella lettura che mi ha obbligato a cercare in casa gli altri libri non letti di questo ottimo e mai dimenticato scrittore italiano.

Quattrocchi


 

mercoledì 24 novembre 2021

Reportage sul centro Italia

Jungle Nama

Il racconto della jungla.
Non so se definirlo una favola o una poesia, perchè il testo è tutto in rima.Amitav Ghosh ambienta la sua breve favola nelle Sunderban in cui è probabilmente nata la leggenda che lo ha ispirato. Favoleggiano favoleggiando si parla dell'ingordigia che sta ditruggendo il mondo.

Equilibrare


 

martedì 23 novembre 2021

Salvarsi

Come uscire dall'Overlook Hotel.
Un altro piccolo ma interessante libro della nuova serie Einaudi, "I Quanti". Antonella Lattanzi ci racconta della sua passione per Stephen King, che tra l'altro io non ho mai letto, e ci parla di come alla fine i libri racchiudano quello che siamo noi stessi, per poi consigliare di non abbandonare mai i nostri desideri.

La vecchia stalla



 

Occhio al 2018



lunedì 22 novembre 2021

Galapagos

L'ultimo libro scritto da Francisco Coloane non poteva che essere un piccolo ma eccellente trattato di storia, con tanto spazio per le esplorazioni e per i pirati, tra cui svetta Dampier che spiccò anche per le doti da romanziere e da naturalista. Tratta ovviamente del fantastico arcipelago delle Galapagos, anche dal punto di vista naturalistico con tanti ringraziamenti a Charles Darwin, ma anche all'immenso Melville e a Paulette Rendon. Prima o poi riuscirò anche a visitarle, ma sicuramente non incontrerò il mitico eremita Oberlus!

Pellicano




 

domenica 21 novembre 2021

Scorci natii


 

Anno 2021 - parte 47

Io sono in una situazione critica, ma mi sembra che siano in tanti a non stare bene, compreso chi gioca con la vita altrui per i propri affari, che siano politici delinquenziali o affaristi. Anche per un non appassionato di motori, come me, l'addio del mitico Valentino Rossi è l'ennesimo segnale di invecchiamento. Cominciano a girare voci su una bella speculazione ai danni del fiume Po nascosta dietro un finto intervento ecologico, niente di sicuro ma meglio stare all'erta. E' allucinante ma si può morire anche a ventidue anni sul lavoro, come è appena successo nel parmense! Tanto per non cambiare troppo, torna piano piano la paura di attentati terroristici. Il figlio di Gheddafi candidato in Libia è un po' come il passato che ritorna. Le mosche sono più fastidiose delle cimici. L'Italia che non andasse ai Mondiali sarebbe soprattutto una perdita d'interesse ludico per i cittadini, ... boh, mi è venuta così pensando un po' alla teoria dell'oppio dei popoli. Come secco io le bottiglie di rosso potrebbe essere una buona base di studio per un trattato enopsicologico!!  Pensare Berlusconi al Quirinale non so se è un incubo o semplicemente l'ennesima conferma che viviamo in un Paese assurdo. ... ed ogni tanto rimangono accese le luci del campetto. Sempre silenzio sullo Yemen, dove l'Arabia Saudita fa il bello e cattivo tempo bombardando a go-go, per la gioia degli armaioli occidentali e per la distruzione di un Paese ormai dimenticato. Ma l'Amazzonia sopravviverà a Bolsonaro? Ottima l'idea di andare nella bella villa a Mamiano per visitare la mostra di Mirò, senza dimenticare la mostra su Pasolini e gli ottimi pezzi della collezione permanente, con Morandi, DeChirico, Monet e compagnia bella!

Rapaci a Fidenza





 

sabato 20 novembre 2021

I parassiti

Tre vite ai tempi del contaggio: tre bellissimi racconti di Ascanio Celestini scritti in piena pandemia. Traspare la sua ironia e il suo sarcasmo, la sua etica e la sua carica vitale per raccontare la criticità di questo momento oltre alla criticità della vita stessa in questa società che perde umanità per un inutile profitto. Un libro piccolo in dimensioni ma grande in qualità.

Scacchi


 

venerdì 19 novembre 2021

Febbre nal Marais

Leggere i libri di Leo Malet, con protagonista lo stravagante Nestor Burma, è un po' come una droga. Sprazzi di poesia intrisi di tanta ironia ed indagini che partono casualmente per poi arrivare, attraverso mille peripezie, ad invidiare il colpevole, non sempre del reato iniziale. Lunga vita a Nestor, e per fortuna di libri con lui ce ne sono ancora parecchi da leggere.